Infotel
cloud


Le disposizioni contenute nel decreto legislativo 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n.123, per il riassetto e la riforma delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro, mediante il riordino e il coordinamento delle medesime in un unico testo normativo (come recita l'art.1 comma 1 del dlgs.81/08).


Le principali novità PER I DATORI DI LAVORO:


La valutazione dei rischi allarga il campo: il datore di lavoro, per metterla a punto, dovrà considerare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori. In particolare, dovrà tener conto dello stress da lavoro e dei rischi legati alle differenze di genere, all’età e alla provenienza da altri Paesi (articolo 28)
Il Testo Unico introduce nuove modalità per svolgere la valutazione dei rischi, che variano in base al numero dei lavoratori. Le aziende che occupano fino a 50 dipendenti e che non presentano particolari profili di rischio potranno seguire una procedura standardizzata, che deve essere stabilita da un decreto interministeriale. Nell’attesa:
per le aziende fino a 10 dipendenti, è sufficiente l’autocertificazione
le aziende fino a 50 dipendenti si applicano le regole ordinarie (articolo 29)
Tutte le sanzioni sono inasprite. Rischiano la sospensione dell’attività le imprese che commettono gravi e reiterate violazioni delle norme sulla sicurezza (articoli 14 e 55)
Sono nulli i contratti di appalto, subappalto e somministrazione che non indichino espressamente i costi relativi alla sicurezza (articolo 26)


PER I LAVORATORI:


Le norme sulla sicurezza si applicano a tutti i lavoratori, anche autonomi e parasubordinati che, a prescindere dal tipo di contratto e dalla retribuzione, svolgono la propria prestazione all’interno dell’impresa. Sono esclusi i lavoratori domestici e familiari ( articoli 2 e 3)
Devono esporre la tessera di riconoscimento solo i lavoratori di aziende che svolgono attività in regime di appalto o subappalto e i lavoratori autonomi che prestano la propria attività in azienda. Se viola questo obbligo, il lavoratore è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro (articolo 20)
Il lavoratore deve partecipare ai programmi di formazione organizzati dal datore di lavoro, altrimenti rischia la sanzione penale dell’arresto fino a un mese dell’ammenda da 200 a 600 euro (articolo 20)
Viene introdotta la figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza anche a livello territoriale e di sito produttivo (articolo 47).


Nuova versione di Cantieri System 2.4

- Gestione Creazione/Variazioni schede: è possibile creare o personalizzare le schede tecniche attingendo i dati iniziali dagli archivi di base già a corredo del software (Archivi Macchine, Attrezzature, Sostanze e Impianti).
- Controlli: negli archivi di base sono state inserite delle checklist di controllo del cantiere;- Collegamento ai prezzari della sicurezza per la stima dei costi;
- Integrazione con PIMUSNET, ContabSystem e FMSystem;

Per i clienti del pacchetto CANTIERI SYSTEM FULL verificare che la versione di PIMUSNET installata sia la 2.1.1 altrimenti eseguire la patch di aggiornamento

Scopri di più


Interventi urgenti in materia di adeguamento dei prezzi di materiali da costruzione, di sostegno ai settori dell'autotrasporto, dell'agricoltura e della pesca professionale, nonché di finanziamento delle opere per il G8 e definizione degli adempimenti tributari per le regioni Marche ed Umbria, colpite dagli eventi sismici del 1997.


(GU n. 249 del 23-10-2008 )


Art. 1.
Disposizioni in materia di adeguamento dei prezzi
1. Per fronteggiare gli aumenti repentini dei prezzi di alcuni materiali da costruzione verificatisi nell'anno 2008, in deroga a quanto previsto dall'articolo 133, commi 4, 5, 6 e 6-bis, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti rileva entro il 31 gennaio 2009, con proprio decreto, le variazioni percentuali su base annuale, in aumento o in diminuzione, superiori all'otto per cento, relative all'anno 2008, dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi.
2. Per i materiali da costruzione di cui al comma 1, si fa luogo a compensazioni, in aumento o in diminuzione, nei limiti di cui ai commi 8, 9 e 10.
3. La compensazione e' determinata applicando la percentuale di variazione che eccede l'otto per cento al prezzo dei singoli materiali da costruzione di cui al comma 1, impiegati nelle lavorazioni eseguite e contabilizzate nell'anno 2008, nelle quantità accertate dal direttore dei lavori.
4. Per variazioni in aumento, a pena di decadenza, l'appaltatore presenta alla stazione appaltante l'istanza di compensazione entro trenta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del decreto ministeriale di cui al comma 1. Per variazioni in diminuzione, la procedura e' avviata d'ufficio dalla stazione appaltante, entro trenta giorni dalla predetta data; il responsabile del procedimento accerta con proprio provvedimento il credito della stazione appaltante e procede ad eventuali recuperi.
5. Per variazioni in aumento, le disposizioni di cui ai commi 2, 3 e 4 non si applicano qualora il responsabile del procedimento abbia accertato, rispetto al cronoprogramma, un ritardo nell'andamento dei lavori addebitabile all'appaltatore.
6. Le disposizioni dei commi da 2 a 5 non si applicano per i materiali da costruzione oggetto di pagamento ai sensi dell'articolo 133, comma 1-bis, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni.
7. Per le variazioni percentuali, in aumento o in diminuzione, dei singoli prezzi dei materiali da costruzione piu' significativi, precedenti all'anno 2008, già rilevate dai decreti ministeriali adottati ai sensi dell'articolo 133, comma 6, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, continua ad applicarsi la disciplina di cui al medesimo articolo 133, commi 4 e 5.
8. Alle compensazioni si fa fronte nei limiti delle risorse e con le modalità indicate all'articolo 133, comma 7, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni.
9. In caso di insufficienza delle risorse di cui al comma 8, le compensazioni in aumento sono riconosciute dalle amministrazioni aggiudicatrici nei limiti della rimodulazione dei lavori e delle relative risorse presenti nell'elenco annuale di cui all'articolo 128 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni. A tale fine le amministrazioni aggiudicatrici provvedono ad aggiornare gli elenchi annuali a decorrere dalla programmazione triennale 2009-2011.
10. Per i soggetti tenuti all'applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, ad esclusione dei soggetti di cui all'articolo 142, comma 4, del citato decreto legislativo n. 163 del 2006 per i lavori realizzati ovvero affidati dagli stessi, in caso di insufficienza delle risorse di cui ai commi 8 e 9, alla copertura degli oneri si provvede, fino alla concorrenza dell'importo di 300 milioni di euro, con le modalità di cui al comma 11.
11. Per le finalita' di cui al comma 10, nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e' istituito un Fondo per l'adeguamento prezzi con una dotazione di 300 milioni di euro per l'anno 2009. Al relativo onere si provvede mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 61, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, relativa al Fondo per le aree sottoutilizzate, per un importo di 900 milioni di euro per l'anno 2009, al fine di compensare gli effetti sui saldi di finanza pubblica. Il fondo di cui all'articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154, e' contestualmente incrementato, in termini di sola cassa, di 300 milioni di euro per ciascuno degli anni 2010 e 2011. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sono stabilite le modalità di utilizzo del Fondo per l'adeguamento prezzi, garantendo la parità di accesso per la piccola, media e grande impresa di costruzione, nonché la proporzionalità, per gli aventi diritto, nell'assegnazione delle risorse.
Art. 2.
Disposizioni in materia di agricoltura, pesca professionale e autotrasporto
1. Il comma 2 dell'articolo 9 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.133, e' sostituito dal seguente: «2. Per fronteggiare la grave crisi dei settori dell'agricoltura,della pesca professionale e dell'autotrasporto, conseguente all'aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi, sono disposte apposite misure di sostegno di natura patrimoniale e finanziaria nel rispetto dei vincoli posti dalla normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato, volte a consentire il mantenimento dei livelli di competitivita', con decreti dei Ministri delle infrastrutture e dei
trasporti e delle politiche agricole alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e con il Ministro dell'economia e delle finanze, da adottarsi entro il 15 novembre 2008. Entro il successivo 30 novembre 2008 sono definite le procedure di attuazione delle misure di cui sopra, attraverso l'emanazione di appositi bandi. Agli oneri connessi all'attuazione di tali misure si provvede nel limite di 230 milioni di euro con le risorse dell'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A., giacenti fuori dalla Tesoreria statale, che, a tale scopo e per tale importo, sono rese immediatamente indisponibili per essere successivamente versate all'entrata del
bilancio dello Stato, per la conseguente riassegnazione alle pertinenti unita' previsionali di base del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, per 200 milioni di euro, e del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, per l'importo di 30 milioni di euro, ed utilizzate entro il 31 dicembre 2008.».
2. Il comma 3 dell'articolo 9 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e' abrogato.
Art. 3.
Interventi in materia di protezione civile
1. E' autorizzata, in favore della regione Sardegna, la spesa di 233 milioni di euro per fare fronte alla realizzazione delle opere contenute nel piano del grande evento relativo alla Presidenza italiana del G8, di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 21 settembre 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 222 del 24 settembre 2007, a valere sulle risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate di cui all'articolo 61 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, di cui:
a) 18,266 milioni rivenienti dalle somme relative alle delibere CIPE 22 dicembre 2006, n. 165, e 22 dicembre 2006, n. 179, pubblicate, rispettivamente, nella Gazzetta Ufficiale n. 94 del 24 aprile 2007 e n. 118 del 23 maggio 2007, di applicazione delle sanzioni sulle assegnazioni alla regione Sardegna ex delibere CIPE 36/2002 e 17/2003;
b) 103,690 milioni derivanti dalle assegnazioni alla regione Sardegna ex delibera CIPE 20/2004, non impegnate nei termini prescritti dalla delibera CIPE 22 marzo 2006, n. 14, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 256 del 3 novembre 2006;
c) 111,044 milioni nell'ambito delle risorse destinate alla regione Sardegna dalla delibera CIPE 21 dicembre 2007, n. 166, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 123 del 13 maggio 2008, per la realizzazione di programmi strategici di interesse regionale.
2. Al fine di effettuare la definizione della propria posizione ai sensi dell'articolo 2, comma 109, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e dell'articolo 2, comma 1, del decreto-legge 8 aprile 2008, n. 61, convertito dalla legge 6 giugno 2008, n. 103, i soggetti interessati corrispondono l'ammontare dovuto per ciascun tributo o contributo, ovvero, per ciascun carico iscritto a ruolo, oggetto delle sospensioni ivi indicate, al netto dei versamenti gia'
eseguiti, ridotto al quaranta per cento, in centoventi rate mensili di pari importo da versare entro il giorno 16 di ciascun mese a decorrere da gennaio 2009. Al relativo onere, pari a 15 milioni di euro per l'anno 2008, si provvede mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 61, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, relativa al Fondo per le aree sottoutilizzate, per un importo di 45 milioni di euro per l'anno 2008, al fine di compensare gli effetti sui saldi di finanza pubblica. Il fondo di cui all'articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154, e' incrementato di 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2009 e 2010 in termini di sola cassa.
3. I medesimi soggetti, entro la stessa data del 16 gennaio 2009, effettuano gli adempimenti tributari, diversi dai versamenti, non eseguiti per effetto delle sospensioni citate dalle disposizioni legislative indicate al comma 2, con le modalita' stabilite con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate. I contribuenti che, ai sensi dell'articolo 14 dell'ordinanza del Ministro dell'interno n. 2668 del 28 settembre 1997, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 228 del 30 settembre 1997, hanno chiesto la sospensione della effettuazione delle ritenute alla fonte si avvalgono della definizione, effettuando direttamente il versamento dell'importo dovuto alle scadenze e con le modalita' previste dal presente articolo.
4. Il mancato versamento delle somme dovute per la definizione, entro le scadenze previste dal comma 2, non determina l'inefficacia della definizione stessa. In tale caso si applicano le sanzioni e gli interessi previsti dalle vigenti disposizioni in materia di mancato o tardivo versamento delle imposte e dei contributi previdenziali, assistenziali ed assicurativi. Per il recupero delle somme non corrisposte alle prescritte scadenze si applicano le disposizioni dell'articolo 14 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, e dell'articolo 24 del decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46. Per le somme iscritte a ruolo, oggetto della sospensione, il mancato versamento alle prescritte scadenze comporta la riscossione coattiva delle rate non pagate.
5. I soggetti che si avvalgono della definizione tributaria comunicano, con apposito modello, da approvarsi con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate, le modalita' ed i dati relativi alla definizione. Nel medesimo provvedimento e' stabilito anche il termine di presentazione del modello.


REGISTRO ANTINCENDIO SYSTEM



Registro Antincendio System è il software per la redazione del Registro antincendio. Il Registro dei Controlli deve essere redatto per ottemperare alle prescrizioni di legge previste dalla normativa antincendio, per la gestione delle verifiche, dei controlli e delle operazioni di manutenzione su sistemi, attrezzature ed impianti antincendio.

Tra le principali funzionalità del software si evidenziano:

  • Archivi di base completi di attrezzature ed impianti antincendio, con relative verifiche, controlli periodici, operazioni di manutenzione. Sono riportate le seguenti tipologie:
    • estintori
    • idranti
    • porte REI
    • uscite di sicurezza
    • luci di emergenza
    • pulsanti di sgancio corrente elettrica
    • pulsanti di allarme
    • valvole di intercettazione gas infiammabili e/o esplosivi
    • rilevatori di incendio e/o gas e dispositivi di spegnimento automatico dell’incendio
    • evacuatori di fumo e calore
    • DPI antincendio e dispositivi di primo soccorso
  • Possibilità di redigere per ogni attività opportuni documenti di registrazione
  • Notifica di inizio e termine interventi
  • Registro cronologico degli interventi
  • Scadenzario delle verifiche, controlli, interventi
  • Attività di informazione e formazione antincendio del personale

Il software permette di stampare i seguenti documenti in formato rtf, con completa operabilità con qualsiasi editor di testo :

  • Scheda di verifica, controllo manutenzione
  • Scheda dell’intervento effettuato
  • Registro cronologico degli interventi
  • Registro Antincendio
  • Scadenzario
Scopri di più

La pianificazione media prevede oltre alla stampa periodica e quotidiana e agli spot radiofonici, una programmazione sui principali quotidiani on line, per creare continuità e sinergia con la stampa tradizionale nonché una campagna tramite Promocard per raggiungere un pubblico giovane nei luoghi di divertimento.

Per la comunicazione non convenzionale sono stati adottati "concept" creativi rivolti ad un target trasversale composto da bambini, giovani e adulti. In una seconda fase, saranno destinatari anche gli immigrati.

L'INAIL insieme a Fabrica, il Centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton - direttore creativo per il progetto INAIL Omar Vulpinari - ha cercato di individuare una forma di comunicazione originale e diversa.

E' nata così l'idea dei "braccialetti della sicurezza". All'interno di una cultura della "Sicurezza da indossare" che non si tesse né si impara in un giorno, perché è cultura articolata e profonda che ha bisogno di tempo per affermarsi, nasce una sorta di "pret-à-porter" della sicurezza.
Laddove il "bello e pronto" da indossare non è stavolta un prodotto commerciale ma un oggetto-testimonianza, ad alto valore affettivo, che vuole indurre chi lo indossa a metabolizzare i significati di cui si fa portatore.

I messaggi, incisi su un braccialetto che acquista così un plusvalore emozionale sono forme non convenzionali di comunicazione che presuppongono una partecipazione attiva dei destinatari del messaggio. Riceverne uno, indossarne uno rappresenta, infatti, plasticamente il concetto di "mettersi addosso la sicurezza".

Sono stati distribuiti, nella fase iniziale della campagna, in occasione del Meeting di Rimini di fine agosto e alla Fiera del Levante di Bari. Da ultimo, in occasione della cerimonia di apertura dell'anno scolastico da parte del Capo dello Stato i braccialetti della sicurezza sono stati consegnati a 2.500 studenti riunitisi al Quirinale.

C'è in progetto nel 2009 di ripetere l'operazione traducendo i messaggi nelle lingue delle comunità più numerose di immigrati.

Altro originale strumento di sensibilizzazione adottato nel corso della campagna saranno "gli appendini" sagomati che dal mese di novembre, saranno presenti e posizionati sui mancorrenti degli autobus di alcune tra le principali città italiane.

Raffigurano "gruppi" di lavoratori o gruppi familiari che, tenendosi per mano, ci ricordano che ciascuno di noi appartiene ad un gruppo, ad una filiera e che il comportamento sbagliato di uno solo può causare conseguenze su tutti.

L'attenzione come valore comune di datori di lavoro e di lavoratori: la responsabilità verso gli altri è l'etica del lavoro.

fonte Inail

Decreto del 9 luglio 2008

Pubblicato da Lilino Albanese | 18:36 | | 0 commenti »


Con Decreto del 9 luglio 2008 il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha stabilito le modalità di tenuta e conservazione del Libro Unico del lavoro e la disciplina del relativo regime transitorio.
Con due note del 10 e del 19 settembre INAIL ha fornito precisazioni sulle modalità di tenuta e chiarimenti sul regime transitorio.

Settore agricolo
Per l'applicazione del Libro Unico allo specifico settore INAIL ha inoltrato in data 4 settembre un quesito al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, per il quale si è tuttora in attesa di parere.


L’INAIL svolge attività di prevenzione in collaborazione con gli altri attori pubblici competenti e con tutti coloro che partecipano al processo produttivo, in primo luogo con le associazioni datoriali e artigiane e con quelle dei lavoratori, tramite accordi di collaborazione con i Comitati Paritetici.


Compito specifico dell’INAIL è quello di fornire informazione, assistenza e consulenza a sostegno della piena attuazione della normativa in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, principalmente nei confronti delle imprese artigiane, delle piccole e medie imprese e delle rispettive associazioni di categoria. L’impegno fondamentale dell’Ente, sia nella logica della tutela integrale dei lavoratori, sia nel quadro del contenimento dei costi sociali derivanti dagli infortuni, è rivolto a promuovere ed incentivare in maniera incisiva la cultura della prevenzione.




Il punto sui dati infortunistici

L'andamento degli infortuni denunciati ad INAIL nell'anno 2007 risulta in continua diminuzione rispetto agli anni precedenti (-1,7% rispetto al 2006); il calo ha riguardato tutte le Regioni ad eccezione di Sicilia, Lazio, Calabria e della Provincia di Bolzano. Oltre il 60% degli infortuni è concentrato nel Nord Italia, ma -rapportando il numero degli infortuni con la forza lavoro (cioè il numero degli occupati- fonte ISTAT) la regione con maggior frequenza di accadimento è l'Umbria, seguita dal Friuli Venezia Giulia. Tale andamento è imputabile al tessuto produttivo, caratterizzato da aziende di piccole dimensioni e dalla presenza di lavorazioni tradizionalmente ad alto indice di frequenza di infortunio. Infatti, si confermano a rischio più elevato la lavorazione dei metalli (acciaio, ferro, tubi, strutture, utensili), dei minerali (vetro, piastrelle, cemento, ceramica, etc.) del legno e delle costruzioni.

Gli infortuni mortali denunciati nel 2007 risultano in calo rispetto all'anno precedente. Il dato è ancora provvisorio e diventerà definitivo al 31 ottobre p.v.; il dato stimato indica un valore di 1.210 casi. Tale indicazione è sensibilmente inferiore anche rispetto al 2005, che ha costituito il minimo storico con un valore al di sotto per la prima volta dal dopoguerra dei 1300 casi. Il calo interessa tutte e tre i settori di attività (Industria, Agricoltura e Servizi).

Gli stranieri assicurati all'INAIL nel 2007 sono quasi 3.000.000 in crescita del 19,5% rispetto all'anno precedente. L'incremento si riflette anche sugli infortuni sul lavoro, in crescita del 8,7% rispetto al 2006.
Per quanto riguarda gli infortuni mortali, quelli degli stranieri nel 2007 sono 174 (poco meno del 15% del totale).
Il settore produttivo al primo posto per infortuni, anche mortali, è quello delle Costruzioni.
Marocco, Romania e Albania sono i paesi che pagano il maggior tributo.



Esposizione a rumore e vibrazioni Linee guida Ispesl su D. Leg.vo 81/2008


L'Ispesl ha recentemente reso note le prime indicazioni applicative concernenti la prevenzione e la protezione dei lavoratori dall'esposizione ad agenti fisici nei luoghi di lavoro ai sensi del Titolo VIII, Capo I, II e III, del D. Leg.vo 81/2008 (nuovo Testo Unico della sicurezza sul lavoro), concernenti i rischi di esposizione al rumore ed alle vibrazioni. Obiettivo del documento tecnico, che aggiorna e sostituisce le precedenti linee guida relative ai DD. Leg.vi 187/2004 (vibrazioni) e 195/2006 (rumore), è dunque quello di fornire una prima serie di indicazioni pratiche che orientino gli operatori veso la più corretta risposta agli obblighi imposti dal D. Leg.vo 81/2008 viste anche le rilevanti novità dallo stesso introdotte.


Lo stesso documento sottolinea peraltro come sia trascorso poco tempo dall'emanazione del Testo Unico in questione, ed inoltre come la produzione normativa in materia sia ancora in corso; di conseguenza le indicazioni fornite vanno considerate temporanee e suscettibili di miglioramento e di aggiornamento in ragione delle successive evoluzioni normative e tendenze interpretative. Poiché il rilascio delle linee guida in oggetto è precedente alla definitiva approvazione e promulgazione della L. 129/2008 , di conversione del D.L. 97/2008, la quale ha previsto il differimento all'1.1.2009 dell'applicazione delle norme relative alla valutazione dei rischi di cui al D. Leg.vo 81/2008, se ne tenga conto nella consultazione del punto 1.01, che detta indicazioni in merito all'entrata in vigore delle disposizioni del Capo I del medesimo decreto.


L'Istituto segnala infine che sono in corso di preparazione analoghe linee guida anche per i rischi relativi all'esposizione a campi elettromagnetici ed a radiazioni ottiche artificiali, di cui al Capo IV ed al Capo V del Titolo VIII del citato D. Leg.vo 81/2008 .


Con la circolare n. 89 del 7.10.2008 l'Inps fornisce chiarimenti in merito alle modalità applicative per il 2008 della riduzione contributiva prevista dall'art. 29, comma 2, della L. 341/1995 , per i datori di lavoro esercenti attività edile, anche alla luce delle novità introdotte dalla L. 247/2007 e della recente emanazione del D.M. 24.6.2008. Si rammenta infatti che l'art. 51, comma 1, della citata L. 247/2007, modificando l’originario testo della L. 341/1995, ha reintrodotto in maniera stabile, a decorrere dall’anno 2008, la riduzione contributiva a favore delle imprese edili, che per il 2007 non era stata applicata.La stessa norma prevede altresì che, in mancanza dell'annuale decreto di conferma o rideterminazione dello sgravio da emanarsi entro il 31 luglio, si applica in via provvisoria la riduzione determinata per l'anno precedente.


Con la circolare in commento l'Inps ribadisce che l'agevolazione, consistente anche per il 2008 in una riduzione contributiva nella misura dell’11,50% sulla parte di contribuzione a carico dei datori di lavoro, esclusa quella di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti:


riguarda le imprese individuate dai codici Istat dal «45.11» al «45.45.2»;

compete per i periodi di paga da gennaio a dicembre 2008;non trova applicazione sul contributo versato dai datori di lavoro unitamente alla contribuzione a copertura della disoccupazione involontaria;

è subordinata al rispetto delle condizioni previste dall’art. 6, commi da 9 a 13, della L. 389/1989 per l’accesso agli sgravi nel Mezzogiorno, comprese quelle dettate dal comma 1 in materia di retribuzione imponibile.


Si ricorda infine che le aziende edili ai fini della fruizione dell’agevolazione devono necessariamente essere in possesso dei requisiti per il rilascio della certificazione di regolarità contributiva anche da parte delle Casse Edili e non aver riportato condanne passate in giudicato per violazioni in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente alla data di applicazione dell’agevolazione.A tale proposito occorre che le aziende attestino, mediante autodichiarazione, il possesso dei requisiti sopra elencati, tramite l'apposito modello di dichiarazione di responsabilità predisposto dall'Inps

Ogni giorno, in Italia, si verificano 2.500 incidenti sul lavoro, muoiono tre persone e 27 rimangono permanentemente invalide. Nel 2007 le morti bianche, secondo i dati Inail, sono state circa 1.200. Oggi sono oltre 800 mila gli invalidi del lavoro e quasi 130 mila i superstiti di caduti sul lavoro. Sono i dati forniti dall’Anmil, l’Associazione nazionale fra i mutilati e invalidi del lavoro, in occasione della 58esima Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, che si celebra oggi. Cifre, viene sottolineato, che testimoniano la persistente gravità del fenomeno infortunistico, una delle principali cause di morte, e con «quasi il doppio dei decessi rispetto agli omicidi». Una giornata, sottolinea l’Anmil, per richiamare l’attenzione delle istituzioni, delle forze sociali e dei mezzi di informazione sulla questione. Ma anche occasione «per denunciare le drammatiche condizioni di vita» degli invalidi e dei superstiti delle vittime «per i quali è necessario arrestare - chiede l’Anmil - il progressivo deterioramento dei livelli di tutela indennitaria, interrompendo la deriva assistenzialistica verso cui il sistema si sta spingendo negli ultimi anni. Basti pensare che una vedova percepisce in media una rendita di appena 700 euro al mese». Per l’Anmil, allo stesso tempo, deve però «essere un impegno condiviso da tutti quello di arginare il fenomeno degli infortuni sul lavoro, con una vera e responsabile applicazione delle norme per la prevenzione, sia da parte delle aziende che dei lavoratori».

NAPOLITANO - «È doveroso tenere viva l’attenzione al fenomeno, non demordere nell’allarme sulla sua gravità sociale, applicare e migliorare le norme legislative. È, questo, un obiettivo di civiltà che dobbiamo al sacrificio dei tanti caduti, mutilati ed invalidi sul lavoro». Lo afferma il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato all’Anmil. Il Capo dello Stato ricorda infatti che la realtà quotidiana propone «casi drammatici, persino ripetitivi nella loro dinamica, storie personali e familiari di dolore e sofferenze».

FINI E SCHIFANI - «Il fenomeno delle morti bianche costituisce una emergenza sociale assoluta, che offende la coscienza di ognuno di noi ed impone a tutte le istituzioni un deciso impegno volto a porvi urgentemente fine» ha scritto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, in un messaggio indirizzato al presidente dell’Anmil, Pietro Mercandelli.«La sicurezza dei lavoratori rappresenta una priorità assoluta per il nostro paese e questa consapevolezza deve spingerci a un costante impegno per valorizzare e diffondere tra i cittadini una cultura di maggiore attenzione e precauzione negli ambienti lavorativi, dove l’attuazione delle norme a tutela della salute e della vita dei lavoratori deve essere piena ed efficace» ha sottolineato, sempre in un messaggio inviato all’Anmil, il presidente del Senato, Renato Schifani.

Fonte corriere della sera


Scarica Demo

Software di composizione rapida per la redazione del (DVR) documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs 81/08 ,
comprensivo di schede di sicurezza.

DVR SYSTEM è il compositore rapido per la redazione del DVR, Documento di Valutazione dei Rischi, ai sensi del D. Lgs 81 2008 Testo Unico Sicurezza.

DESCRIZIONE SOFTWARE

DVR SYSTEM permette di redigere in pochi minuti un Documento di Valutazione dei Rischi utilizzando schede tecniche (in formato MS Word) in cui è riportata la classificazione dei rischi, le misure di prevenzione da adottare ed i DPI obbligatori, per le fasi lavorative, le attrezzature, le sostanze, le opere provvisionali.

DVR SYSTEM consente:

  • l’archiviazione di tutti i lavori con i relativi documenti composti
  • di operare in modalità Wizard, per la veloce autocomposizione di un DVR dall’inserimento dei dati generali dell’azienda alla scelta delle schede tecniche
  • di utilizzare un set di schede tecniche (Fasi Lavorative, Attrezzature, Sostanze, Opere Provvisionali) già a corredo del programma, da arricchire e personalizzare
  • una completa interoperabilità con MS-Word: il template di stampa ed il documento finale possono essere facilmente ed agevolmente personalizzati e adattati in ogni momento alle esigenze dell’utente, che potrà inserire immagini, grafici, tabelle e tutto ciò che riterrà opportuno.

CARATTERISTICHE TECNICHE

DVR SYSTEM si avvale della tecnologia XML, in questo modo diventa molto semplice e rapido lavorare e condividere i propri lavori con altri utenti.
Tra le caratteristiche principali del programma, si evidenziano:

  • agevole trasportabilità dei lavori, perché si opera con file di dimensioni ridotte
  • semplicità nell’effettuare il Back-up dei dati
  • facilità di pubblicazione sul web dei propri lavori per la condivisione del Know-how.

Inoltre, grazie a specifiche funzionalità del programma si ha:

  • la possibilità di tenere aperti contemporaneamente più lavori e di effettuare interscambio di informazioni (copia/incolla/taglia dati)
  • una completa e chiara visione del lavoro tramite un menù laterale (Status Navigator) che consente un veloce inserimento dei dati

Per un veloce apprendimento di tutte le funzionalità di DVR SYSTEM, l’utente avrà a disposizione tutor multimediali ed il manuale d’uso in formato pdf.

Schede di Sicurezza

Pubblicato da Lilino Albanese | 10:00 | 0 commenti »

Le schede riportano la classificazione e la valutazione dei rischi, le relative misure di prevenzione e protezione ed i DPI obbligatori (Dispositivi di Protezione Individuale).Sono indispensabili per la redazione del DVR (Documento di Valutazione del Rischio ai sensi dell’art. 18 28 29 del D. Lgs. 81/2008) e dei Piani di Sicurezza (POS, PSC, PSS

read more | digg story


Sicurezza lavoro: ricordiamo le ultime modifiche nel 2008 apportate alle norme dopo la approvazione del Testo Unico


1) - D.L. n. 97 del 3/6/2008 - "Disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonché in materia fiscale e di proroga di termini". (G.U. n. 128 del 3/6/2008)Convertito in Legge n. 129 del 2 agosto 2008 (G. U. n. 180 del 2 agosto 2008)

a) Prorogato al 1° Gennaio 2009 l’obbligo di comunicare all'INAIL/IPSEMA i dati relativi agli infortunib) Prorogato al 1° Gennaio 2009 il divieto della visita preassuntiva


La norma: Art. 4 comma 2: "Le disposizioni di cui all'articolo 18, comma 1, lettera r), e all'articolo 41, comma 3, lettera a), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2009".

c) Rinviata al 1° Gennaio 2009 la nuova stesura del documento di valutazione dei rischi ( DVR )La norma: Art. 4 comma 2bis. “All'articolo 306, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, le parole: «decorsi novanta giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale» sono sostituite dalle seguenti: «a decorrere dal 1° gennaio 2009».”


Nota : All'articolo 306, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, avente ad oggetto la decorrenza degli obblighi in materia di valutazione dei rischi, le parole: "decorsi novanta giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana" sono state sostituite dall'espressione "a decorrere dal 1º gennaio 2009".


Mediante tale proroga il legislatore ha ulteriormente ritardato l'entrata in vigore delle nuove disposizioni in materia di valutazione dei rischi, con l’effetto di prolungare fino al 1° gennaio 2009 la vigenza dell’articolo 4 (commi 1, 2 e 3) del D.Lgs. 626/94, nonché la vigenza della relativa disposizione sanzionatoria contenuta nell’articolo 89 (comma 1) del medesimo decreto, di seguito riportati: Art. 4. “


1. Il datore di lavoro, in relazione alla natura dell'attività dell'azienda ovvero dell'unità produttiva, valuta tutti i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro.


2. All'esito della valutazione di cui al comma 1, il datore di lavoro elabora un documento contenente:


a) una relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;

b) l'individuazione delle misure di prevenzione e di protezione e dei dispositivi di protezione individuale, conseguente alla valutazione di cui alla lettera a);

c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza.


3. Il documento è custodito presso l'azienda ovvero l'unità produttiva.” Art. 89. “Il datore di lavoro è punito con l’arresto da tre a sei mesi o con l’ammenda da 1549,00 euro a 4131 euro per la violazione degli articoli 4, commi 2 […]”.


A partire dal 1° gennaio 2009 il documento di valutazione dei rischi aziendale dovrà invece essere redatto secondo i nuovi contenuti e le modalità (e, inutile dirlo, con i riferimenti normativi) di cui agli articoli 28 e 29 del D.Lgs. 81/2008 e di cui ai titoli specifici aventi ad oggetto la valutazione dei rischi all’interno del testo unico.


A decorrere da tale data verranno inoltre applicate al datore di lavoro le nuove sanzioni previste dall’articolo 55 del D.Lgs. 81/2008 in caso di omessa o carente/inadeguata valutazione dei rischi, nonché le disposizioni sanzionatorie contenute nei titoli specifici (v. articolo 298 D.Lgs. 81/2008: “Principio di specialità.


Quando uno stesso fatto è punito da una disposizione prevista dal titolo I e da una o più disposizioni previste negli altri titoli, si applica la disposizione speciale.”).


Fino al 1° gennaio 2009 restano in vigore le disposizioni sulla valutazione dei rischi contenute nel D.Lgs. 626/94 e norme collegate.


2) - D.L. n. 112 del 25 giugno 2008 - "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria. (Supplemento Ordinario n. 152 della G.U. n. 147 del 25/6/2008)Convertito in Legge 133 del 6 agosto 2008 ((GU n. 195 del 21-8-2008 - Suppl. Ordinario n. 196)a) abrogata la sanzione amministrativa [da 2.500 a 10.000 euro] per il datore di lavoro/dirigente che non si curino di fornire i lavoratori in attivita' in regime di appalto e di subappalto di un tesserino di riconoscimentoLa norma: Art 39 comma 12 - Alla lettera h) dell'articolo 55, comma 4, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, le parole «degli articoli 18, comma 1, lettera u)» sono soppresseb) abolita la sospensione del cantiere per reiterate violazioni della disciplina in materia di superamento dei tempi di lavoro, di riposo giornaliero e settimanale e la conseguente richiesta di revoca della stessaLa norma: Art. 41 comma 11. All'articolo 14, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 eliminare le parole: «ovvero in caso di reiterate violazioni della disciplina in materia di superamento dei tempi di lavoro, di riposo giornaliero e settimanale di cui agli articoli 4, 7 e 9 del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66, e successive modificazioni, considerando le specifiche gravità di esposizione al rischio di infortunio". comma 12. All'articolo 14, comma 4, lettera b), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 eliminare le parole: «di reiterate violazioni della disciplina in materia di superamento dei tempi di lavoro, di riposo giornaliero e settimanale, di cui al decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66, o».D.L. 23 maggio 2008, n. 92 – “Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica”(Convertito in Legge 24 luglio 2008, n. 125 (G.U. n. 173 del 25 Luglio 2008 )a)modifica gli articoli 589 e 590 c.p. - introdotte nuove aggravanti in caso di lesioni colpose, aumentano le pene previste per le aggravanti (anche di in osservanza di norme prevenzionistiche in materia di lavoro) in caso di omicidio colposoLa norma: C.P. 589. Omicidio colposo


Chiunque cagiona per colpa [c.p. 43] la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni.Se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena è della reclusione da due a sette anni.


Si applica la pena della reclusione da tre a dieci anni se il fatto e' commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale da:


1) soggetto in stato di ebbrezza alcolica ai sensi dell'articolo 186, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni; 2) soggetto sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope;


Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni di una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni quindici [c.p.p. 235].La norma: C.P 590. Lesioni personali colpose Chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a lire seicentomila.


Se la lesione è grave la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da lire duecentoquarantamila a un milione e duecentomila, se è gravissima [c.p. 583], della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da lire seicentomila a due milioni e quattrocentomila.
Se i fatti di cui al secondo comma sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena per le lesioni gravi è della reclusione da tre mesi a un anno o della multa da euro 500 a euro 2.000 e la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da uno a tre anni.


Nel caso di lesioni di più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse, aumentata fino al triplo; ma la pena della reclusione non può superare gli anni cinque.


Nei casi di violazione delle norme sulla circolazione stradale, se il fatto e' commesso da soggetto in stato di ebbrezza alcolica ai sensi dell'articolo 186, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, ovvero da soggetto sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope, la pena per le lesioni gravi e' della reclusione da sei mesi a due anni e la pena per le lesioni gravissime e' della reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni;
Il delitto è punibile a querela della persona offesa [c.p. 120; c.p.p. 336], salvo nei casi previsti nel primo e secondocapoverso, limitatamente ai fatti commessi con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro orelative all'igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale.


La norma: Art. 590-bis Computo delle circostanze introdotto dalla Legge 125/08
Quando ricorre la circostanza di cui all'art. 589, terzo comma, ovvero quella di cui all'articolo 590, terzo comma, ultimo periodo, leconcorrenti circostanze attenuanti, diverse da quelle previste dagli articoli 98 e 114, non possono essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto a queste e le diminuzioni si operano sulla quantita' di pena determinata ai sensi delle predette circostanze aggravanti.»;


Rischi Fisici - Linee guida sui Capi I, II e III del Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008, "Testo Unico".Sono le "prime indicazioni applicative" approvate dal Coordinamento delle Regioni d'intesa con l'ISPESL.Sostitiuscono le precedenti Linee guida operative per l'applicazione dei D.Lgs. 187/2005 e 195/2006.


Il D.V.R., non adeguato, corrisponde ad una mancata valutazione dei rischi.


Il D.V.R. deve essere adeguato sia nel caso in cui vi siano nuovi fattori di rischio, sia nel caso non siano stati previsti nel documento quei rischi individuati nell’art.28 del D.Lgs.81/08 con particolare riferimento a "gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell'accordo europeo dell'8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all'età, alla provenienza da altri Paesi".Esaminando attentamente il D.Lgs.81/08 All’art.28, comma 2, lettera a) che, a differenza dell’abrogato D.Lgs. 626/94, art.4, lettera a), specifica che il D.V.R. deve contenere "una relazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa". la valutazione dei rischi e la conseguente elaborazione del documento deve essere fatta dal datore di lavoro in collaborazione dell’R.S.P.P. e del medico competente, per quest’ultimo nei casi previsti dall’art.41. La valutazione e la stesura del documento rientra tra gli obblighi del datore di lavoro che non può delegare (art.17, comma 1, lettera a).


Il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti del R.S.P.P. se possiede i requisiti di cui all’art.34, comma 2 (nella fattispecie in seguito dovrà frequentare corsi di aggiornamento previsti dal comma 3).


A questo punto necessita fare una distinzione tra il D.V.R. e l’autocertificazione.


D.V.R.


fino a 50 dipendenti, in attesa delle procedure standardizzate di cui all’art.6,comma 8, lettera f), la valutazione dei rischi e il D.V.R. devono essere effettuati secondo le normali procedure. fino a 50 dipendenti, che svolgono attività particolarmente pericolose; attività di cui all’art 31, comma 6, lettere a),b),c),d),f) e g) - centrali termoelettriche, aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosici, industrie estrattive, strutture di ricovero e cura pubbliche e private…-; aziende che rientrano nel campo di applicazione del Titolo IV del presente decreto(cantieri temporanei o mobili), non si applicano le procedure standardizzate come stabilito dall’art.29, comma 7. Oltre i 50 dipendenti non esiste alcuna deroga.


Autocertificazione


L’autocertificazione (art.29, comma 5, D.Lgs.81/08) dell’avvenuta valutazione dei rischi (in sostituzione del D.V.R.) viene fatta dal datore di lavoro che occupa fino a 10 dipendenti.Tale autocertificazione (già prevista dall’abrogato D.Lgs 626/94, art.4, comma 11) è consentita fino a quando non entreranno in vigore le procedure standardizzate di all’art.6, comma 8, lettera f) D.Lgs.81/08), che verranno individuate con decreto dei Ministeri de del Lavoro e della previdenza sociale, della salute e dell’interno acquisito il parere della Conferenza Stato, Regioni e province autonome di Trento e Bolzano (entro e non oltre il 31 dicembre 2010). Pertanto l’autocertificazione può essere effettuata dai datori di lavoro non oltre il diciottesimo mese successivo alla entrata in vigore del decreto interministeriale e precisamente non oltre la data del 30 giugno 2012. L’autocertificazione non può essere fatta per quelle aziende di cui all'articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d) e g) e precisamente:a) nelle aziende industriali di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 (stabilimenti in cui sono presenti sostanze pericolose), e successive modificazioni, soggette all'obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli articoli 6 e 8 del medesimo decreto;b) nelle centrali termoelettriche;c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230 (impianti nucleari, rifiuti radioattivi…), e successive modificazioni;d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni;g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.Il datore di lavoro che non aggiorna il D.V.R. non effettua una idonea valutazione dei rischi presenti nell’ambiente di lavoro, per cui la valutazione stessa risulterà non accurata e non adeguata.


Con tale sentenza della Corte di Cassazione – Sentenza 4063/08 ha chiarito in modo inequivocabile l’applicazione degli obblighi da parte del datore di lavoro, pervenendo alla conclusione che una valutazione dei rischi non accurata o comunque non adeguata corrisponde ai fini sanzionatori ad una mancata valutazione dei rischi che comporta per il datore di lavoro l’arresto da 4 a 8 mesi o l’ammenda da € 5.000 a € 15.000 per la violazione dell’art. 17, comma 1, lettera a), D.Lgs 81/08.


DECRETO LEGISLATIVO 11 settembre 2008, n. 152


Ulteriori disposizioni correttive e integrative del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, a norma dell'articolo 25, comma 3, della legge 18 aprile 2005, n. 62. (GU n. 231 del 2-10-2008 - Suppl. Ordinario n.227)


In vigore dal: 17-10-2008


Le amministrazioni possono approfittare dei prossimi 15 giorni per pubblicare tutti i bandi già pronti con la vecchia normativa.


Tra le principali novità si ricorda:


-abbassata la soglia entro cui le amministrazioni possono escludere in via automatica le offerte anomale: la soglia per i lavoro è di un milione di euro; per i servizi e le forniture la soglia è di 100 mila euro;


- per i servizi e le forniture sarà liberalizzato l'avvalimento (il prestito dei requisiti)


- il project financing ( procedure in cui l'amministrazione sollecita proposte da privati per finanziare e gestire opere pubbliche) viene ridefinito:le amministrazioni possono scegliere tra diverse alternative: torna la vecchia procedura in versione semplificata basata sulla prelazione del promotore;c'è la possibilità di selezionare mediante un'unica fase di gara il concessionario, che dovrà però accettare di apportare al suo progetto gratuitamente tutte le modifiche richieste in fase di sviluppo definitivo. Inoltre, vi è anche un'altra possibilità con la quale i privati possono stimolare l'interesse delle amministrazioni quando queste ultime non pubblicano avvisi di ricerca dei privati.




Gent.mo Cliente,

  • considerando l'affermarsi delle nuove discipline in materia di Sicurezza (D.Lgs. 81/08)
  • la necessità di adeguamento alla normativa vigente
  • la continua e costante esigenza di agevolare il proprio lavoro con sistemi informativi tecnologicamente all'avanguardia oltre che efficienti

il Consorzio Infotel offre, in esclusiva, la possibilità di usufruire della nuova gamma di Sistemi Software gestionali dedicati alla Sicurezza sul Lavoro e nei Cantieri e particolarmente adatti alle esigenze di tutti gli Ingegneri, Architetti, Geometri, professionisti ed aziende (/Enti) in genere attraverso il SERVIZIO ROTTAMAZIONE VECCHI SOFTWARE.

Quindi, con la presente Le prospettiamo, in esclusiva, la possibilità di rottamare i Suoi vecchi pacchetti software per entrare in possesso dei nuovi a condizioni estremamente agevolate.

I nuovi pacchetti software essendo sviluppati con le moderne tecnologie di programmazione (Microsoft .Net, Java e Database SQL) sono completi di tutor multimediali audio/video e manuali/help in linea oltre ad essere aggiornati naturalmente alle ultime normative di legge.

Al fine di permetterci di identificare con precisione quali dei nuovi sistemi software corrisponderà ai Suoi prodotti attuali ed effettuare le dovute sostituzioni in ogni singolo ambito operativo, La preghiamo di indicarci il nome e la versione del programma attualmente posseduto oltre che la licenza d'uso ( ad esempio: Settore Cantieristica - CantieriSystem vers. 1.0 lic. d'uso CNT3652).

Sicuri di averLe reso un servizio gradito con questa particolare opportunità di aggiornamento a Lei riservata, porgiamo distinti saluti.

Dott. Ing. Secondo Martino

freccia Dettagli