Infotel
cloud

PIMUS.jpgPIMUS NET

Pellegrino Albanese

ottobre 2009
Guida alla redazione del Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio di un ponteggio ai sensi del D.Leg.vo N. 81/08 e s.m.i.

Il PIMUS è il piano di montaggio, uso e smontaggio di un ponteggio, richiesto dal D.Leg.vo n. 81/08. Tale decreto regolamenta tutti gli aspetti della tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e, quindi fissa anche i requisiti minimi che devono essere rispettati per l’uso di attrezzature per lavori in quota.
La finalità principale è quella di salvaguardare e garantire la sicurezza del personale addetto al montaggio e smontaggio, la sicurezza di chi utilizzerà il ponteggio, la sicurezza di terze persone (lavoratori e non) che potrebbero interferire con le fasi di montaggio/smontaggio ma anche in fase di utilizzo.

Il PIMUS è messo a disposizione del preposto addetto alla sorveglianza dei lavori, dei lavoratori impiegati nel montaggio/smontaggio dei ponteggi e degli utilizzatori del ponteggio stesso. Quindi, tutte le imprese ed i lavoratori autonomi che impiegheranno il ponteggio devono avere a disposizione il PIMUS ed attenersi alle istruzioni in esso contenute.

PIMUSNET è il software che compone e stampa in pochi minuti il Piano di Montaggio, Smontaggio e Trasformazione dei ponteggi.

Tale piano riporta la procedura ed il personale addetto al montaggio/smontaggio e ad una eventuale trasformazione del ponteggio; inoltre sono dettagliati i parametri di impiego e le schede di manutenzione/ verifica da eseguire in fase di utilizzo.
Il documento composto sarà in formato rtf quindi compatibile con qualsiasi editor di testo, risulterà così personalizzabile ed adattabile in ogni momento alle esigenze dell’utente, che potrà inserire immagini, grafici, tabelle e tutto ciò che riterrà opportuno.

PIMUSNET si avvale della tecnologia XML; in questo modo diventa molto semplice e rapido lavorare e condividere i propri lavori con altri utenti.

FM.jpgFM SYSTEM
Secondo Martino
ottobre 2009
con DVD con software tecnico per la redazione del FM
Guida alla redazione del Fascicolo dell’Opera ai sensi del D.Leg.vo N. 81/08 e s.m.i.


Il FASCICOLO DELL’OPERA è un documento a cui fa riferimento l’art. 91 del D.Leg.vo 81/08 e s.m.i. che contiene le informazioni utili alla prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, da prendere in considerazione all’atto di eventuali lavori (necessari e prevedibili) successivi sull’opera, per la futura gestione dell’opera eseguita, manutenzione compresa.

Il fascicolo accompagna l’opera per tutta la sua durata di vita e deve essere predisposto durante la progettazione dell’opera stessa e, comunque, prima della richiesta di presentazione delle offerte; a predisporlo è il CSP (coordinatore in fase di progettazione).

Può essere realizzato anche durante l’esecuzione dell’opera nel caso in cui, dopo l’affidamento dei lavori ad un’unica impresa, l’esecuzione dei lavori o parte di essi sia affidata ad una o più imprese, e allora in tal caso verrà predisposto dal CSE (coordinatore in fase di esecuzione), che altrimenti si limita ad adeguarlo relativamente all’evoluzione dei lavori o ad eventuali modifiche.

Il software FM SYSTEM, ottimo e flessibile strumento di lavoro, si rivolge a:
- Professionisti che si occupano di sicurezza
- Studi e consulenti della sicurezza e a tutti coloro che vogliono realizzare in pochi minuti il fascicolo dell’opera.

POS_abitazioni.jpgPOS SYSTEM - Civili abitazioni

Secondo Martino
con DVD con Software per la redazione del POS
Guida e software per la redazione del Piano Operativo di Sicurezza nei cantieri per di fabbricati per civili abitazioni ai sensi del D.Leg.vo N. 81/08 e s.m.i.
Elenco delle schede delle fasi lavorative contenute nel volume:
  1. 1. Allestimento basamenti per baracche e macchine
  2. 2. Armatura pareti dello scavo
  3. 3. Carico e scarico materiali
  4. 4. Casserature in legno
  5. 5. Demolizione di murature e tramezzi
  6. 6. Demolizione di pavimenti e rivestimenti
  7. 7. Demolizione di strutture in C.A.
  8. 8. Disarmo strutture in c.a.
  9. 9. Esecuzione di massetti
  10. 10. Esecuzione di tracce in muratura
  11. 11. Esecuzione struttura in C.A. Completa
  12. 12. Ferro in opera
  13. 13. Getto di calcestruzzo con pompa
  14. 14. Impermeabilizzazioni di coperture
  15. 15. Impianto di riscaldamento autonomo
  16. 16. Impianto di scarico
  17. 17. Impianto Elettrico e messa a terra di cantiere
  18. 18. Impianto Elettrico edifici civili
  19. 19. Impianto igienico sanitario
  20. 20. Intonaci esterni eseguiti a macchina
  21. 21. Intonaci interni eseguiti a macchina
  22. 22. Isolamento termico di coperture
  23. 23. Manto di copertura in tegole su orditura in legno
  24. 24. Montaggio argano a bandiera
  25. 25. Montaggio infissi esterni
  26. 26. Montaggio infissi interni
  27. 27. Movimentazione manuale dei carichi
  28. 28. Murature e tramezzi
  29. 29. Pilastri in c.a.
  30. 30. Posa in opera di parquet
  31. 31. Posa in opera di pavimenti
  32. 32. Posa in opera di rivestimenti
  33. 33. Posa marmi
  34. 34. Recinzione a rete metallica
  35. 35. Scavi a sezione ristretta
  36. 36. Scavi di fondazione eseguiti con escavatore
  37. 37. Smontaggio ponteggi
  38. 38. Solaio misto in c.a. e laterizio
  39. 39. Tetto in legno e tegole
  40. 40. Tinteggiatura di pareti e soffitti interni
  41. 41. Tinteggiature di pareti interne
  42. 42. Tinteggiature esterne
  43. 43. Trasporto rifiuto
  44. 44. Travi e solai di piano
  45. 45. Vibrazione e calcestruzzo
Scopri di Più

Safety day – Il 29 e 30 ottobre presso la Fiera del SAIE di Bologna, due giornate dedicate alla tematica della Sicurezza sul lavoro organizzate da Consorzio Infotel in collaborazione con importanti professionisti esperti in materia di sicurezza.


Un evento unico composto da due momenti, all’interno della Fiera del SAIE, dedicati all’approfondimento delle problematiche legate alla sicurezza dei luoghi di lavoro alla luce del nuovo D.lgs. 106/09 ed all’attuazione di un modello organizzativo per la gestione della sicurezza. Interverranno relatori di caratura nazionale quali l’ing. G. Porreca, l’Ing. M. Taramelli ed il Dott. Frasca.

Il 29, infatti, a partire dalle 9.30, si parlerà dell’attuazione del modello organizzativo per la Gestione della Sicurezza (Norma OHSAS 18001:2007), grazie all’intervento dell’Ing. Mario Taramelli, Contrammiraglio ( r ) e Docente in Sicurezza sul lavoro, per poi discutere dell’importanza della formazione assieme al Dott. Piergiorgio Frasca, coordinatore del Comitato AIAS Formazione e RSPP certificato. Non mancherà, infine, lo spazio dedicato al confronto e la dimostrazione pratica di quanto discusso.

Il 30, invece, sempre a partire dalle 9.30, spazio all’intervento dell’Ing. Porreca, Presidente del SIE ( Società Italiana di Ergonomia ) Puglia nonché Vice Coordinatore AIAS per la Puglia, per discutere delle novità introdotte dal Decreto Correttivo del D.Lgs. 106/09 per poi approfondire le novità nel settore della cantieristica grazie al contributo dell’Ing. Daniela Sagarese, responsabile tecnico del Consorzio Infotel.

Per tutti i partecipanti saranno previsti Omaggi ed Attestati di Partecipazione.

Per partecipare all’evento registrati Qui

E' stato siglato, presso la sede della Prefettura dell'Aquila, un protocollo d'intesa per la costituzione di un Tavolo di lavoro finalizzato ad intraprendere idonee iniziative volte a garantire che i cantieri della ricostruzione abbiano luogo in una cornice di legalita', con particolare riferimento al pieno rispetto della normativa in materia di sicurezza sul lavoro. Il protocollo e' stato sottoscritto dalla Regione Abruzzo, dalla Provincia e dal Comune dell'Aquila e dai soggetti istituzionalmente competenti nel territorio provinciale all'attivita' ispettiva in materia di sicurezza sul lavoro, nonche' dalle associazioni imprenditoriali e sindacali firmatarie dei Ccnl del comparto dell'industria edile.



Il Tavolo, che verra' presieduto dal Prefetto dell'Aquila, Franco Gabrielli, avra' ad oggetto principale le attivita' di cosiddetta ''macro cantieristica'', ma sara' ad ogni modo aperto all'intervento di quei soggetti istituzionali e sociali che risultera' utile coinvolgere in ragione delle diverse problematiche affrontate nelle singole riunioni, con particolare riferimento al settore della ''micro cantieristica''.

iso/rg/rob

(Asca)

l sondaggio fornisce dati attuali e affidabili sulla percezione che le persone hanno del proprio ambiente di lavoro, tra cui



•fattori che incidono sulla decisione di cercare un altro lavoro


•il lavoro come causa di salute precaria


•sviluppo della sicurezza e della salute sul lavoro


•impatto della crisi economica sulle condizioni lavorative


•livello informativo riguardo ai rischi nell'ambito della sicurezza e della salute sul lavoro


I risultati sono accessibili dagli Stati membri in un formato di facile uso (nella lingua corrispondente) o in inglese per l'EU-27

Dalle ore 18 del 2 ottobre 2009 la denuncia d'infortunio è online in una nuova versione.


Sono state infatti semplificate le modalità di inserimento dei dati (sia online che offline) nelle sezioni "Testimoni" e "Veicolo" e, fra l'altro, aggiornate le tabelle Sedi INAIL e ISTAT-ASL.
 
AGGIORNAMENTI E MODIFICHE:


SEZIONE TESTIMONE

Ferma restando l’opzionalità di compilazione della sezione, è stata semplificata la modalità di inserimento dei dati, sia online che offline, secondo il seguente schema:

o Sezione 1° Testimone: se viene inserito il cognome del 1° testimone, è obbligatorio solo il nome del 1° testimone; i restanti campi sono opzionali e la compilazione di uno di essi obbliga solo all’introduzione di cognome e nome;

o Sezione 2° Testimone: cognome e nome del 2° testimone sono inseribili solo se presenti quelli del 1°; i restanti campi sono opzionali e la compilazione di uno di essi obbliga solo all’introduzione di cognome e nome.



SEZIONE VEICOLO

Ferma restando l’opzionalità di compilazione della sezione, è stata semplificata la modalità di inserimento dei dati, sia online che offline, secondo il seguente schema:

o Sezione Dati Veicolo:

 è possibile inserire solo la targa del veicolo;

 i restanti campi sono opzionali e la compilazione di uno di essi obbliga solo all’introduzione del campo targa;

o Sezione Dati Conducente:

 i campi sono opzionali, ma l’eventuale compilazione di cognome e nome del Conducente obbliga solo all’introduzione del campo targa del veicolo;

 inseriti targa e cognome del conducente, è obbligatorio solo il nome del Conducente;

 i restanti campi sono opzionali e la compilazione di uno di essi obbliga solo all’introduzione della targa del veicolo e di cognome e nome del Conducente;

o Sezione Dati Proprietario (richiesti solo se diverso da Conducente):

 non è possibile inserire i dati del Proprietario se non sono stati compilati i dati del Conducente e la targa del veicolo;

 inseriti targa del veicolo, cognome e nome del Conducente e cognome del Proprietario, è obbligatorio solo il nome del Proprietario;

 i restanti campi sono opzionali e la compilazione di uno di essi obbliga solo all’introduzione della targa del veicolo, di cognome e nome del Conducente e di cognome e nome del Proprietario.


Con l’adozione delle modalità appena descritte, sono stati di conseguenza adeguati:


APPLICAZIONE ONLINE

TRACCIATO RECORD FILE TXT

XML SCHEMA



AGGIORNATE LE TABELLE DI DECODIFICA ISTAT-ASL E SEDI INAIL:

Sono state apportate modifiche a seguito di variazioni intervenute nelle competenze territoriali. Le rimanenti tabelle di decodifica sono rimaste inalterate.



AGGIORNAMENTO SOFTWARE OFFLINE

All’entrata in vigore dell’applicazione online, verrà fornita la versione 4.36 del software offline da reinstallare seguendo le consuete modalità riportate nel manuale.

Oggi, presso la sala stampa del Palazzo del Governo, il presidente della provincia regionale di Siracusa Nicola Bono ha sottoscritto un protocollo di intesa per la legalita' e la sicurezza nei luoghi di lavoro con i vertici della sedi provinciali dell'Ufficio del Lavoro e dell'Ispettorato del Lavoro. Il documento e' stato sottoscritto, oltre che da Bono, dal Carmelo Dimauro per l'Ufficio del Lavoro e da Emanuele Giaccone per l' Ispettorato.
Il documento, il primo del genere in Sicilia, impegna gli enti, cosi' come i comuni, le organizzazioni imprenditoriali e sindacali, ad una reciproca collaborazione nella vigilanza del rispetto delle norme in materia di sicurezza nel lavoro, l'emersione del lavoro nero, la trasparenza negli appalti con particolare riferimento al rispetto delle norme contrattuali e previdenziali.

La collaborazione fra i soggetti firmatari comprende anche il monitoraggio, la prevenzione degli abusi e delle irregolarita', nonche' campagne di comunicazione. Nell'occasione il presidente Bono ha ribadito "la sua posizione e quella della Unione delle Province Siciliane circa la anomala situazione della Regione Sicilia, unica in Italia, in cui non viene rispettata la norma che attribuisce alle province le funzioni in materia di lavoro e di formazione". "Il mancato rispetto in Sicilia delle legge nazionale che ha trasferito le competenze in materia di lavoro alle province -ha detto Bono- non agevola politiche virtuose nel campo della formazione collegata al mercato del lavoro e nella occupazione".

L'iniziativa, che si inserisce nell'ambito della campagna europea 2008 - 2009 per la sicurezza nei luoghi di lavoro, è stata coordinata, per il terzo anno consecutivo, dal dottor Giancarlo Pizzutelli, direttore del dipartimento di prevenzione della Asl di Frosinone, ed intende offrire un contributo alla diffusione della cultura della sicurezza rendendo partecipi coloro che hanno il dovere morale e la responsabilità giuridica di garantirla negli aspetti relativi all‘attività lavorativa.

L'evento interesserà la provincia di Frosinone per quattro settimane, e, oltre al capoluogo (dove sono previste iniziative fino al prossimo sabato), riguarderà anche Sora (dal 13 al 16 ottobre), Cassino (dal 19 al 24 ottobre), ed Anagni (il 27 e il 28 ottobre). Molte le iniziative previste: ai numerosi seminari sui vari aspetti legati alla sicurezza e alla prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro, infatti, si alterneranno interventi formativi rivolti agli alunni dell'ultimo anno delle scuole superiori, nonché visite guidate agli stand informativi in materia, allestiti da imprese del territorio virtuose in tema di sicurezza. Notevole interesse ha suscitato, nella mattinata di ieri, l'incontro introduttivo della «settimana della sicurezza», che ha visto una cospicua partecipazione, tra gli altri, di esponenti del mondo imprenditoriale e sindacale, di rappresentanti delle istituzioni e degli organismi coinvolti nel settore, tra cui l'Azienda sanitaria locale. Ed è stato proprio il dottor Pizzutelli a dare il via all'iniziativa: «Il Direttore generale Zotti ed i vertici della Asl si sono dimostrati particolarmente sensibili al problema della sicurezza sul lavoro – ha dichiarato – in tal senso, eventi come questo servono a diffondere la cultura della prevenzione, che non può prescindere da un'attenta attività di vigilanza e da successivi e necessari meccanismi premiali, supportando anche il gioco di squadra tra gli organismi preposti». A sottolineare l'aspetto «culturale» della sicurezza nei luoghi di lavoro è stato invece il Prefetto Piero Cesari, che ha evidenziato la necessità di «eliminare il pressappochismo che si respira, per fortuna meno del passato, in questo settore, attraverso un'adeguata regolamentazione ed armonizzazione degli strumenti disponibili, nonché educazione a tutti i livelli e repressione delle inadempienze». A seguire, è intervenuto il sindaco di Frosinone, Michele Marini, secondo il quale anche i Comuni sono chiamati non soltanto a rispettare di più le norme sulla sicurezza (e a stanziare, allo scopo, adeguati fondi), ma anche a sensibilizzare sul tema le aziende fornitrici o appaltatrici. È stata quindi la volta dell'assessore provinciale Gabriele Picano, il quale, dopo aver portato i saluti del presidente Antonello Iannarilli, assente per impegni concomitanti, ha palesato la disponibilità dell'amministrazione di piazza Gramsci per iniziative volte a diffondere la cultura della sicurezza. A seguire, gli interessanti interventi del Direttore sanitario della Asl di Frosinone, dottor Ciccarelli, del Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, ingegner Liberati, e delle direttrici dell'Inail di Frosinone e dell'Ispettorato provinciale del lavoro, che hanno evidenziato, da un lato, il trend positivo degli infortuni sul lavoro (diminuiti in questa provincia), dall'altro, le attività degli enti mirate alla prevenzione degli stessi e delle malattie professionali.

A conclusione dell'incontro, gli interventi di rappresentanti del CPT, di Confindustria, e di esponenti e dirigenti del mondo imprenditoriale e sindacale di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, che hanno sottolineato la necessità di garantire adeguate risorse per l'attività di vigilanza, sanzioni esemplari per gli imprenditori che non rispettano le norme, e un meccanismo sinergico di raccordo tra tutte le parti coinvolte.

fonte il tempo

Il mare costituisce un elemento importantissimo per l’isola di Procida che ha offerto gioie e dolori dell’intera comunità. Da questo punto di vista la pesca rappresenta ancora, nonostante la crisi e le normative sempre più complesse e restrittive, un comparto economico rilevante con una flotta composta da oltre 50 barche e con quasi duecento famiglie che da essa traggono sostentamento, ed è per questo che bisogna attrezzarsi al meglio per aumentare la competitività e la professionalità delle varie componenti.

In questa ottica, approfittando anche del momento di fermo pesca, vale la pena sottolineare il convegno organizzato dalla FLAI-CGIL per il prossimo 26 settembre alle ore 9,30, presso la sala consiliare “V. Parascandola” del Comune di Procida, sul tema: “La sicurezza sul lavoro nel settore della pesca”.

L’evento rientra nel “Progetto Pesca: Diritti e Occupazione nella pesca e nell’Acquacoltura”, che vede il sostegno del Ministero delle Politiche Alimentari Forestali, cofinanziato dall’Unione Europea, progetto che intende creare un valido sistema territoriale di orientamento, assistenza e aggiornamento per i lavoratori della pesca e dell’acquacoltura, nell’ottica del sistema di “buone prassi” che tendono all’efficienza operativa, al miglioramento dell’erogazione e fruizione dei servizi, ad assicurare l’integrazione tra i servizi e a favorirne la cooperazione, a promuovere il dialogo e a consentire agli utenti un accesso migliore ai servizi.

A presiedere il convegno sarà Giuseppe Brancaccio, Segretario Generale FLAI-CGIL Campania, l’introduzione sarà affidata a Libera Cerchia, Responsabile CST – pesca FLAI-CGIL Campania, mentre la relazione progettuale sarà tenuta dalla dott.ssa Antonella De Marco, Responsabile Dipartimento Sicurezza FLAI-CGIL Nazionale. Interverranno il T.V. (CP) Gianluca Oliveti, Comandate del Circomare Procida; l’avv. Luigi Muro, Assessore Provinciale con delega al Mare; il cap. Gerardo Lubrano Lavadera, Sindaco di Procida, e l’Assessore alla risorsa mare, cap. Pasquale Sabia. Saluto della dott.ssa Maria Salette Longobardi, Dirigente Scolastico dell’Ist. Com. “F. Caracciolo-G. Da Procida”, del dr. Sergio Lubrano, Responsabile Regionale Federcoopesca, del dr. Nicola Pellecchia, Responsabile Regionale Federpesca, del dr. Gennaro Scognamiglio, Responsabile Regionale UNCI Pesca, del dr. Alberico Simioli, Responsabile Regionale Lega Pesca. Le conclusioni saranno affidate a Giovanni Mininni, Responsabile Dipartimento Pesca FLAI-CGIL Nazionale.

Come ci dice il dr. Pellecchia, si tratta di un momento importante per la categoria sia per la presenza di tutti i responsabili delle massime strutture sindacali sia perchè ci auguriamo che l’iniziativa permetta agli operatori di comprendere la necessità di formazione, conoscenza e competenza in materia di sicurezza.

Per l’assessore alla risorsa mare del Comune di Procida, cap. Sabia, si conferma la centralità del comparto della pesca nella vita economica e sociale dell’isola e l’evento sarà l’occasione per fare una riflessione sulle problematiche e sulle opportunità di rilancio.

A fine giornata sarà consegnato ai pescatori un kit di materiale da utilizzare a bordo delle imbarcazioni in linea con le normative previste sulla sicurezza sul lavoro.

In Italia quattro mila morti l'anno per esposizione all'amianto. Lo denunciano i ricercatori Ispesl (Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza del Lavoro) durante la prima giornata della Conferenza Mondiale sull'amianto in corso a Taormina. ''Ma il dato e' destinato a crescere.

Tra il 2015-2018 e' previsto un picco di vittime'', aggiungono. ''Vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica - sottolinea il commissario straordinario dell'Ispesl Antonio Moccaldi - L'eta' media della diagnosi e' intorno ai 68 anni''. ''Uno degli obiettivi principali della conferenza - dice Federica Paglietti, ricercatrice Ispesl - e' quello di bandire l'amianto a livello internazionale per non creare discrepanze tra i paesi industrializzati e i paesi in via di sviluppo.

Intendiamo sollecitare interventi di bonifica e di prevenzione per la sicurezza e la salute dei lavoratori e degli ambienti di vita in quanto sono presenti in Italia piu' di 27 mila siti contaminati da amianto''.

E' disponibile il formato elettronico degli atti del convegno "La nuova politica della sicurezza: D.lgs. 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine " organizzato dall' ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza , che si è tenuto a Moasca il 18 - 19 Giugno 2009.

"La nuova politica della sicurezza: D.lgs. 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine "
Evento organizzato da: ISPESL (Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, Dipartimento Certificazione e Conformità, Dipartimento di Alessandria)
Presso: Moasca 18 - 19 Giugno 2009 - Castello Medievale MOASCA (AT)

Il convegno si propone di presentare gli aspetti critici e le problematiche del D.lgs. 81/08 ad un anno dalla sua entrata in vigore ed affrontare le ultime modifiche normative in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Inoltre si cercherà di evidenziare le future integrazioni tra le disposizioni legislative del D.Lgs. 81/08, Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e la nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE, che entrerà in vigore in tutta Europa il 29 dicembre 2009. A riguardo nel corso del convegno saranno presentate le Linee Guida “Guida al confronto fra la nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE e la Direttiva Macchine 98/37/CE”, un documento questo, utile per il confronto delle versioni italiane delle due direttive, che evidenzia anche le difformità fra le versioni italiane e le corrispondenti versioni inglesi fornendo commenti esplicativi.











Documenti


Interventi del 18 Giugno

Interventi del 19 Giugno

impredil

Ideato per soddisfare le esigenze delle Imprese Edili, è un vero e proprio sistema integrato per la Gestione delle Commesse. Ad ogni commessa possono essere associati più cantieri. IMPREDIL è un cruscotto di lavoro che consente di gestire le diverse fasi amministrative, contabili e operative legate ad una specifica commessa: Preventivazione, Programmazione, Conto Economico di Cantiere, Incassi, Sicurezza e gestione Gare

Dati Generali e Tabelle di base
  • Anagrafiche comuni a tutti i software integrati
  • Anagrafica dei dipendenti e gestione delle risorse umane per commessa, in termini di costi e quantità di lavoro
  • Archivio Clienti e Fornitori, Banche, Prezzari regionali
  • Aliquote IVA
  • Categorie merceologiche per la definizione degli articoli di magazzino
  • Gestione Listini
Preventivazione (Contab System)
  • Gestione prezzari  Regionali e personali con analisi nuovi prezzi
  • Computo Metrico Estimativo per lavorazioni a Corpo, a misura e/o misti
  • Gestione della documentazione di preventivazione (Computi metrici, Stime, Quadri di incidenza, Quadri economici…)

application_up.png Scopri di piu'