Infotel
cloud

ai sensi dell’art. 29 del d.lgs 81/2008 DECRETO-LEGGE 12 MAGGIO 2012,N. 57 

La Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro istituita presso il Ministero del Lavoro ha approvato le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi nelle aziende che occupano fino a 10 lavoratori e facoltativamente (D.V.R. STANDARD) per quelli che occupano sino a 50 dipendenti. L’autocertificazione sarà ammessa “fino alla scadenza del terzo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2012”.


software dvr standard
SOFTWARE DVR STANDARD

I datori di lavoro che occupano fino a  10 lavoratori

Possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f

Le disposizioni non si applicano alle attività svolte nelle seguenti aziende:

Nelle aziende industriali di cui all’articolo 2 del Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 334, e successive modificazioni, soggette all’obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli articoli 6 e 8 del medesimo Decreto;
Nelle centrali termoelettriche;
Negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni;
Nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni;
Nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.

I datori di lavoro che occupano fino a  50 lavoratori

possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f

Le procedure standardizzate di cui al comma 6, anche con riferimento alle aziende che rientrano nel campo di applicazione del titolo IV, sono adottate nel rispetto delle disposizioni di cui all’ articolo 28

Le disposizioni non si applicano alle attività svolte nelle seguenti aziende:

a) aziende di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f) e g);

Nelle aziende industriali di cui all’articolo 2 del Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 334(N), e successive modificazioni, soggette all’obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli articoli 6 e 8 del medesimo Decreto;
Nelle centrali termoelettriche;
Negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230(N), e successive modificazioni;
Nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni;
Nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori;
Nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.

b) aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all’esposizione ad amianto;

NFOTEL Sistemi
Software - Ricerca Scientifica - Formazione

SICURWEB Infotel Sistemi S.r.l. festeggia suoi 23 anni di attività promuovendo l'ultima versione del noto sistema SICURWEB il primo strumento integrato per i consulenti, gli Studi e i Centri di Formazione.

Gestione Sicurezza
Clienti
Formazione
Maggiore produttività
Maggiori Guadagni

Offerta speciale per festeggiare i 23 anni: Sconto del 54% (offerta valida fino al 28 Settembre 2012)
 
Richiedi Maggiori Informazioni ...


sicurweb gestionale sicurezza dvr

Caratteristiche Principali

Sicurweb è un applicativo WEB che non ha limiti logistici, di accesso e di utenza.

- Gestione Sicurezza
- OHSAS18001
- Gestione Clienti (CRM)
- Gestione Formazione (Corsi, Discenti, etc.)
- Gestione Costi - Ricavi
- DVR Online
- Gestione Formazione Visite
- Piano di Miglioramento
- Manutenzione Macchine
- Duvri Online
- Registro Antincendio Online
- Gestione DPI
- Cartella Sanitaria di rischio

Scopri Maggiori dettagli ..

Valutazione rischi Redazione documentazione obbligatoria::

valutazione rischi

- Redazione dell’autocertificazione della valutazione dei rischi per le aziende fino a 10 lavoratori, [arresto da 3 a 6 mesi e ammenda da 2.500 a 6.400 euro] All’autocertificazione può essere allegata una check list che fotografi il livello della sicurezza raggiunto ed evidenzi eventuali priorità degli interventi migliorativi da porre in atto . Da dicembre 2012 DVR Standard

- Redazione del Documento di Valutazione dei Rischi – DVR- per le aziende oltre 10 lavoratori o con rischi particolari [arresto da 3 a 6 mesi e ammenda da 2.500 a 6.400 euro]; La valutazione dei rischi per i cantieri edili è il Piano Operativo della Sicurezza – POS che deve essere specifico per ogni cantiere.

- Nomina dei lavoratori incaricati alla gestione delle emergenze antincendio e primo soccorso: devono essere nominati almeno due addetti antincendio e primo soccorso per ogni luogo di lavoro [arresto da 2 a 4 mesi e ammenda da 750 a 4.000 euro], nomina del RSPP, del medico competente e comunicazione dei nominativi ai lavoratori;

Valutazione dei rischi specifici (es. rumore, stress, rischio chimico, rischio esplosione, radiazioni ottiche, elettromagnetiche etc. qualora si suppone il superamento dei limiti di norma o al verificarsi di determinati presupposti) [arresto da 3 a 6 mesi e ammenda da 2.500 a 6.400 euro];

- Redazione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti - DUVRI - in caso di presenza di lavoratori esterni all’azienda che effettuano lavori in appalto [arresto da 2 a 4 mesi e ammenda da 1.500 a 6.000 euro].

- Redazione del piano di emergenza ed effettuazione delle prove di evacuazione per le aziende a rischio di incendio medio e per quelle a rischio di incendio basso con più di 9 lavoratori [arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.200 a 5.200 euro]

- Fornitura e redazione dei verbali di consegna dei Dispositivi di Protezione Individuali ai lavoratori [arresto da 2 a 4 mesi e ammenda da 1.500 a 6.000 euro]


Vedi Anche :
infotel d lgs 81 2008

Il Documento di Valutazione dei Rischi deve contenere::

  •     una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa.;
  •     l’indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati;
  •     il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  •     l’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  •     l’indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio;
  •     l’individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

Sanzioni:

Per omessa redazione del DVR, l’arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.500 a € 6.400.

Per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione delle misure ritenute opportune al fine di garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, misure di prevenzione e protezione,  procedure sulle misure da adottare e distribuzione dei compiti e delle responsabilità, è prevista una ammenda da € 2.000 a € 4.000

Per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione sulla relazione della valutazione di tutti i rischi, l’individuazione delle mansioni che espongono i lavorat ori a rischi specifici o richiedono riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza ed adeguata formazione (esempio: uso carrello elevatore, etc.) , è prevista una ammenda da € 1.000 a € 2.000.


dvr
Scopri DVR Standard
infotel d lgs 81 2008

accordo stato regioni formazione sicurezza 2012

Pubblicato da Lilino Albanese | 18:21 | 0 commenti »

accordo stato regioni formazione sicurezza 2012:

sicurezza 2012 lavoro
CONFERENZA STATO REGIONI – APPROVATI E PUBBLICATI GLI ACCORDI PER LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell’11 gennaio 2012 sono stati pubblicati gli accordi approvati dalla Conferenza Stato Regioni del 21 dicembre 2011 relativi alla individuazione dei contenuti della formazione del datore di lavoro che intenda svolgere direttamente i compiti di responsabile del servizio di prevenzione e protezione e di quella dei lavoratori, dei dirigenti e dei preposti, di cui agli articoli 34 e 37 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

Tali accordi, che sanciscono le modalità della formazione sulla sicurezza da impartire ai soggetti sopra menzionati sono da considerare un atto avente forza normativa in quanto parte integrante dell'articolo 37 del D.Lgs. n 81/2008, ed in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione ufficiale in Gazzetta, pertanto dal 26/01/2012.

Si consiglia alle aziende di verificare tempestivamente la situazione relativa alla formazione di ogni singolo lavoratore per verificarne la conformità a quanto previsto dalle normative e programmare gli eventuali interventi formativi previsti. Ciò in considerazione del fatto che l’accordo prevede un periodo transitorio (un anno per lavoratori e preposti e 6 mesi per Datori di Lavoro RSPP), entro cui può ancora essere svolta la formazione secondo i criteri previgenti..

infotel d lgs 81 2008

Accordo stato regioni FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO:

rspp datore lavoroFORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO rspp datore lavoro

Per quanto riguarda la formazione dei datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti di RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), la nuova disciplina sostituisce le indicazioni dell’articolo 3 del Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997, introducendo obblighi di aggiornamento (art.7) quinquennali (di 6, 10 e 14 ore in base a tre livelli di rischio: basso, medio, e alto individuato in funzione del Settore Ateco di appartenenza dell’azienda). 

 I corsi sono articolati in tre differenti livelli di rischio in funzione dei codici ATECO:
basso (durata minima di 16 ore);
medio (32 ore);
alto (48 ore).

 REQUISITI DEI DOCENTI
  Devono possedere una esperienza almeno triennale di docenza o insegnamento o professionale in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro.

 UTILIZZO DELLA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD)
E’ consentita esclusivamente per i corsi di aggiornamento e per i moduli 1 (Normativo) e 2 (Gestionale) sulla base dei criteri e delle condizioni di cui all'allegato 1. 

 ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN CASO DI ESERCIZIO DI NUOVA ATTIVITA’
In caso di inizio di nuova attività il datore di lavoro che intende svolgere, nei casi previsti dal decreto stesso, i compiti propri del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi deve completare il percorso formativo di cui al presente accordo entro e non oltre novanta giorni dalla data di inizio della propria attività.


infotel d lgs 81 2008

DPR 151/11

Pubblicato da Lilino Albanese | 18:19 | 0 commenti »

DPR 151/11:

DPR 151/11


Domanda:
Attività 48 : vengono introdotte come nuove attività B le macchine elettriche con liquidi isolanti combustibili in quantitativi superiori a 1 m3. Se in una stessa cabina di trasformazione ho più di una macchina si sommano i quantitativi di tutte le macchine per la determinazione del parametro minimo di assoggettabilità?
Risposta:
Se le macchine inserite all'interno di un'unica cabina di trasformazione, hanno singolarmente quantitativi inferiori ad 1 m3 di olio, costituiscono comunque un unico centro di pericolo e pertanto i quantitativi di olio debbono essere sommati ai fini dell'assoggettabilità ai procedimenti di cui al D.P.R. 151/2011.

Domanda:
Attività 65 si chiede di conoscere se con il termine palestra si debbano intendere anche i centri fitness con relative pertinenze (saune, piscina, spogliatoi, ecc.)?
Risposta:
Ai fini antincendio i centri fitness e le palestre sono da considerarsi attività analoghe.
infotel d lgs 81 2008

SICURWEB consente il monitoraggio e la gestione del protocollo di sorveglianza sanitaria, dalla redazione dello scadenzario alla stampa del giudizio di idoneità e delle cartelle sanitarie e di rischio.

Totalmente online, il medico competente potrà procedere alla informatizzazione e gestione della cartella sanitaria e di rischio.

L’intera sezione e quindi tutti i dati sensibili della cartella sanitaria e di rischio saranno visualizzati e gestiti solo dal medico competente (utente con profilo medico competente). La protezione dei dati sensibili è assicurata da protocolli di crittografia asimmetrica (HTTPS).  

PRINCIPALI FUNZIONALITA’
 
Archivi di base: protocolli sanitari. Associando il protocollo al dipendente in automatico sarà visualizzato il Protocollo di Sorveglianza Sanitaria con gli accertamenti da effettuare. Gli archivi di base sono aperti a qualunque modifica ed implementazione da parte dell’utente, il quale potrà personalizzare ed arricchire la propria banca dati.
Storicizzazione di tutte le visite preventive/periodiche effettuate nel tempo per singolo dipendente
Elenco Fattori di rischio e DPI consegnati in automatico dalla valutazione dei rischi con la possibilità di sincronizzarli in base a successive modifiche o revisioni. ·        
Gestione cartella sanitaria e di rischio: per le visite preventive/periodiche realizzate sezioni Anamnesi (lavorativa, familiare, patologica, ecc.) esame obiettivo, giudizio di idoneità, accertamenti integrativi.
Comando inserisci testo: sono predisposte frasi già compilate per un veloce inserimento dati nella cartella sanitaria e di rischio.    
La sezione accertamenti integrativi consente l’archiviazione dei documenti, dei referti collegati ad esami specialistici/chimici/di laboratorio, ecc.
La cartella sanitaria e di rischio (allegato A D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) è aggiornata secondo l’accordo Stato Regioni di marzo 2012 e D. Lgs. 9 Luglio 2012.   
Comando DUPLICA VISITA, permette di avere una copia della visita preventiva/periodica selezionata, in modo da velocizzare l’inserimento dati in casi di mancate modifiche nel tempo.
Agenda del medico competente: in automatico sarà generato uno scadenzario con l'elenco di tutte le scadenze dei dipendenti dell’azienda, in termini di visite periodiche e accertamenti del protocollo di sorveglianza sanitaria.
Stampa della cartella sanitaria e di rischio e del Giudizio di idoneità in formato rtf ·
Stampa Allegato 3B in formato excel o Word in base all’accordo Stato Regioni di marzo 2012 e D. Lgs. 9 Luglio 2012.
Anagrafica dei medici competenti con dati anagrafici, log di accesso, ecc.
Scadenzario aziendale con relativo calendario di tutte le scadenze collegate alla cartella sanitaria e di rischio. Tali dati sono visibili solo dall’utente con medico competente o dall’amministratore del sistema.